mercoledì 15 ottobre 2014

DOCUMENTARIO SUL COINVOLGIMENTO DI BERLUSCONI NELLE STRAGI DI CAPACI E VIA D'AMELIO


Le indagini su Alfa e Beta


In parallelo al lavoro per il processo d'appello per Capaci, Tescaroli prosegue le indagini sui mandanti occulti delle stragi. I boss che avevano iniziato a collaborare con la giustizia fornivano particolari inquietanti sull'esistenza di presunti mandanti a volto coperto delle stragi siciliane del 1992 e dei gravissimi attentati del 1993.
Queste rivelazioni non potevano essere trascurate, perche' venivano da mafiosi di grosso calibro, che avevano ammesso non solo le stragi di Capaci e via D'Amelio, ma anche gli omicidi di Carlo Alberto Dalla Chiesa, Rocco Chinnici e numerosi altri appartenenti alla magistratura e alle forze dell'ordine. Di qui l'obbligo, per la procura di Caltanisetta, di aprire un'indagine sulle persone che venivano indicate come mandanti delle stragi del 1992-93.
Le indagini erano in corso dal 1994, ma la procura di Caltanisetta apre ufficialmente solo il 23 luglio 1998 un'inchiesta su Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri, indicati per l'estrema delicatezza dell'indagine (Berlusconi all'epoca era gia' stato una volta presidente del Consiglio ed era leader di Forza Italia) come ''Alfa'' e ''Beta''. Ad aprire d'ufficio il procedimento furono il procuratore capo Giovanni Tinebra, il procuratore aggiunto Paolo Giordano e i sostituti procuratori Luca Tescaroli, Antonino Di Matteo e Anna Maria Palma. Ricordare questi nomi e' importante, perche' le sorti del pool investigativo di Caltanisetta saranno complesse e oggetto di molte e controverse analisi.
Il gruppo muove i primi passi nelle indagini su Berlusconi e Dell'Utri a partire dalle deposizioni rese dai superboss nel corso del tempo.
E' importante analizzarle sulla base degli atti processuali, che sono ormai divenuti pubblici.


L'ultima intervista di Paolo Borsellino


In realta', i nomi di Silvio Berlusconi, Marcello Dell'Utri e Vittorio Mangano erano gia' stati fatti da Paolo Borsellino. Il 19 maggio 1992 – quattro giorni prima della morte di Falcone – in un'intervista a due giornalisti francesi di Canal Plus, Fabrizio Calvi e Jean Pierre Moscardo, il magistrato, stanco e teso, sembra voler affidare una sorta di testamento. E' un'intervista molto dura, nella quale il magistrato tocca il tema dei rapporti tra mafia e imprenditoria, parlando, tra l'altro, proprio dello stalliere di casa Berlusconi, '' indicato sia da Buscetta che da Contorno come 'uomo d'onore' appartenente a Cosa Nostra''. Il giornalista gli chiede : ''Uomo d'onore di che famiglia?'' Borsellino risponde : ''Uomo d'onore della famiglia di Pippo Calo', cioe' di quel personaggio capo della famiglia di Porta Nuova, famiglia della quale originariamente faceva parte lo stesso Buscetta.
Si accerto' che Vittorio Mangano – ma questo gia' risultava dal procedimento che avevo istruito io e risultava altresi' dal cosiddetto procedimento Spatola, che Falcone aveva istruito negli anni immediatamente precedenti al maxiprocesso – che Vittorio Mangano risiedeva abitualmente a Milano, citta' da dove, come risulto' da numerose intercettazioni telefoniche, costituiva un terminale del traffico di droga, di traffici di droga che conducevano le famiglie palermitane''.
Poi i due giornalisti francesi pongono una domande ficcante e pericolosa a Borsellino : ''Non le sembra strano che certi personaggi, grossi industriali come Berlusconi, Dell'Utri, siano collegati a uomini d'onore tipo Vittorio Mangano?'' Lui da' una risposta lucida e terribile : ''All'inizio degli anni Settanta, Cosa Nostra comincio' a diventare un'impresa anch'essa, un'impresa nel senso che attraverso l'inserimento sempre piu' notevole, che a un certo punto divento' addirittura monopolistico, nel traffico di sostanze stupefacenti, Cosa Nostra comincio' a gestire una massa enorme di capitali, dei quali naturalmente cerco' lo sbocco, perche' questi capitali in parte venivano
esportati o depositati all'estero, e allora cosi' si spiega la vicinanza tra elementi di Cosa Nostra e certi finanzieri che si occupavano di questi movimenti di capitali''.
Il giornalista replica : ''Lei mi dice che e' normale che Cosa Nostra si interessi a Berlusconi?'' Borsellino ha una pausa, e' visibilmente teso, fuma nervosamente, poi risponde : '' E' normale che chi e' titolare di grosse quantita' di denaro cerchi gli strumenti per poter impiegare questo denaro, sia dal punto di vista del riciclaggio, sia dal punto di vista di far fruttare questo denaro. Le posso dire che Mangano era uno di quei personaggi che ecco erano i ponti, le teste di ponte dell'organizzazione mafiosa del Nord Italia''. Il giornalista e' sorpreso della risposta e insiste :
'' C'e' un'inchiesta ancora aperta?'' Borsellino, tirato, ammette : '' So che c'e' un'inchiesta ancora aperta''
Il giornalista in francese chiede : ''Su Mangano e Berlusconi, a Palermo?'' Borsellino : ''Si''.
In questa ultima intervista, concessa due mesi prima di morire, Borsellino tocca quindi il tema del riciclaggio, il coinvolgimento dei colletti bianchi, parla esplicitamente delle 'teste di ponte dell'organizzazione mafiosa nel Nord Italia''. Esplicita cio' che Falcone aveva capito e messo a fuoco per primo: il fatto che il vero grande nodo, la vera forza della mafia stava nei meccanismi del riciclaggio che le consentono di fiorire, nella contiguita' della politica corrotta, nell'esistenza di un'imprenditoria che non disdegna di avere rapporti 'esterni' con gli ambienti malavitosi.
Quattro giorni dopo quell'intervista Falcone muore. E nel momento in cui Falcone muore, Borsellino sa che anche lui morira', che la sua sorte e' segnata.


(vedi anche : https://www.youtube.com/watch?v=-BF-Lb4nlSc#at=25)


Il racconto di Salvatore Cancemi


Due anni dopo queste dichiarazioni e la morte di Paolo Borsellino, la procura di Caltanisetta inizia ad ascoltare i pentiti sul progetto stragista messo in atto da Cosa Nostra nel 1992-93. E i nomi di Mangano, Dell'Utri e Berlusconi torneranno nei loro racconti. Le prime e piu' note dichiarazioni vennero rese da Salvatore Cancemi che, nei verbali di interrogatorio, all'inizio si limito' a raccontare che nel maggio del 1992, di ritorno da una riunione con altri esponenti di Cosa Nostra, aveva discusso con il superboss Raffaele Ganci dell'attentato a Giovanni Falcone. Ganci gli spiego' che Riina aveva avuto un incontro con 'persone molto importanti'', insieme alle quali aveva deciso di 'mettere una bomba a Falcone''. Queste persone importanti hanno promesso allo zu' Toto' che devono rifare il processo nel quale lui e' stato condannato all'ergastolo''. Trascorsi una ventina di giorni dal vertice mafioso, si verifico' la strage di Capaci.
Nell'interrogatorio del 7 gennaio 1994 Cancemi rievoco' nuovamente il colloquio con Ganci :
Ganci mi confido' che Salvatore Riina si era incontrato con personaggi importanti proprio in relazione all'attentato in danno del giudice Falcone per ottenere in cambio una probabile revisione dei processi o altri favori, come per esempio la non approvazione della legge sui pentiti o comunque di non rendere possibile una legislazione sfavorevole all'organizzazione di Cosa Nostra.


Il boss pentito racconta che, alla fine degli anni Ottanta, Cosa Nostra decise di indirizzare i propri voti su alcuni candidati del Psi, anziche', come aveva sempre fatto, sulla Dc. Secondo il verbale del 18 febbraio 1994 Cancemi afferma :
Una cosa deve essere chiara, che queste 'persone importanti' non erano certo uomini di Cosa Nostra, perche' piu' importanti di Riina e Provenzano non ce ne sono all'interno dell'organizzazione, quindi i personaggi con cui Riina si e' incontrato li doveva cercare fuori dall'organizzazione.


Nel corso di quell'interrogatorio Cancemi parlo' anche di circostanze relative ai rapporti che Riina aveva in precedenza instaurato con persone che si dovevano considerare importani. Nella deposizione avrebbe parlato di Berlusconi e Dell'Utri. Su questo aspetto Cancemi tornera' in diversi interrogatoi : oltre che a Caltanisetta, anche nel corso delle deposizioni presso le procure di Palermo e Firenze (impegnata nelle indagini sulle stragi del 1993).
Secondo i verbali del 25 febbraio 1994, del 5 agosto 1996 e del 23 aprile 1998, sostanzialmente sovrapponibili e coincidenti, Cancemi racconta di essere stato convocato da Salvatore Riina tra il 1990 e il 1991, presso l'abitazione del mafioso Girolamo Guddo, e di aver partecipato a un incontro con Riina stesso, Raffaele Ganci e Salvatore Biondino. In quell'occasione Riina gli avrebbe ordinato di rivolgersi a Vittorio Mangano e di dirgli che doveva mettersi da parte nella gestione del rapporto con Berlusconi.
Riina infatti – ha spiegato Cancemi ai pm – considerava il rapporto con Berlusconi 'un bene per tutta Cosa Nostra' e voleva gestirlo direttamente: aveva inoltre detto allo stesso Cancemi che, se Mangano si fosse mostrato riluttante, avrebbe dovuto fargli presente che Riina non aveva dimenticaot uno sgarbo ricevuto, cioe' il fatto che Mangano avesse regalato un'arma al suo avversario Bontate.
Va sottolineato, a questo riguardo, che gli atti del processo Dell'Utri hanno portato alla luce altri aspetti. Il boss pentito Francesco Di Carlo ha raccontato ai giudici che gia' nel lontano 1974 si era svolto un incontro tra Berlusconi, Stefano Bontate (mafioso e massone) e Mimmo Teresi nella sede della Edilnord: un abboccamento, volto a garantire a Berlusconi e alla sua famiglia una 'protezione' dai rapimenti, favorito da Gaetano Cina', amico di Dell'Utri.
A un certo punto, nel 1991, quindi dopo la morte di Bontate, Cancemi ricevette, come s'e' detto, l'incarico di portare il messaggio di Riina a Mangano di 'farsi da parte'. L'incarico nasce in quanto Cancemi era il reggente del mandamento di Porta Nuova, cui apparteneva Mangano. Peraltro Cancemi sostiene di aver saputo direttamente da Mangano, che conosceva, dei suoi rapporti con Berlusconi. Tra il 1973 e il 1974 Mangano lavorava nella proprieta' di Arcore e aveva raccontato a Cancemi che nella villa avrebbero trovato riparo latitanti come Nino Grado, Francesco Mafara e Salvatore Contorno. Nell'interrotagatorio del 18 febbraio 1994 Cancemi racconta :
'Riina preciso' che secondo gli accordi stabiliti con Dell'Utri che faceva da emissario per conto di Berlusconi, arrivavano a Riina 200 milioni l'anno in piu' rate, in quanto erano dislocate a Palermo piu' antenne'.
Il collaboratore di giustizia afferma anche di essere certo che il rapporto fosse risalente quantomeno al 1989 e dichiara di aver assistito piu' volte alle consegne di questo denaro, in rate da circa 40-50 milioni :
'Queste rate venivano consegnate non so da chi a Pierino Napoli, reggente della famiglia di Malaspina, compresa nel mandamento La Noce. Ho visto personalmente, ripeto in piu' occasioni, Pierino Napoli consegnare al Ganci Raffaele il denaro proveniente dal Nord. Anzi posso aggiungere che piu' volte ho sentito personalmente Salvatore Riina dire a Ganci Raffaele, quando c'erano ritardi nelle consegne, 'Falluzzo, viri di viriri a Pierino se siggiu ddi picciuli, viri di sollecitari'' (Raffaele, vedi di dire a Pierino se ha riscosso i soldi, vedi di sollecitare).
L'ultima consegna di denaro da Pierino Napoli a Ganci, alla quale assistette Cancemi, sarebbe avvenuta dieci mesi prima dell'attentato a Falcone. Il pentito riferisce ancora che Riina gli disse che
Berlusconi doveva acquistare immobili da ristrutturare nella zona di via Maqueda a Palermo.
Su domanda del pubblico ministero, Cancemi racconta che i rapporti di Cosa Nostra con Dell'Utri e Berlusconi andavano dietro nel tempo; in una prima fase erano stati collegati con Stefano Bontate, Pietro Lo Iacono e Mimmo Teresi, della famiglia della Guadagna.
Da Mangano, Cancemi avrebbe saputo che anche Giovanni e Ignazio Pullara' avevano intrattenuto rapporti con Berlusconi e Dell'Utri.
In una deposizione resa sia ai pm di Caltanisetta che a quelli di Firenze, Cancemi ha parlato, poi, di un vertice guidato da Riina nel giugno del 1992, quindi nel periodo intercorso fra la strage di Falcone e quella di Borsellino. Nell'incontro in questione Riina parlo' delle richieste da far pervenire, ergastolo e sequestro dei beni. Nel verbale del 23 aprile 1998 si legge :
'Pm : E queste richieste in quell'occasione disse a chi dovevano essere rivolte?
Cancemi : Lui piu' volte ha detto che aveva queste persone nelle mani, quindi Berlusconi e Dell'Utri, quindi queste cose di lui le doveva girare a queste persone.
Pm : Si, ma nel corso di questa.... in questa riunione riprese il discorso chiarendo....
Cancemi : Si', lui in questa riunione dice che ci doveva fare avere queste cose erano queste persone, Berlusconi e Dell'Utri, i nome che ha fatto erano questi qua. Anche dopo, diciamo, parlava sempre di queste persone, anche dopo questo incontro mi ricordo che altre volte, un paio di volte, ha parlato sempre di queste persone.


Il collaboratore ha riferito che dopo l'arresto di Riina, nel gennaio del 1993, Provenzano gli avrebbe confermato l'intenzione di portare avanti la linea stragista di Riina, tesa a porre in difficolta' lo Stato e a convincerlo a trattare.
In un interrogatorio del 17 giugno 1999 relativo a un altro procedimento (Agate Mariano + 26) nel quale Cancemi stesso era imputato per la strage di via D'Amelio, il collaboratore ha parlato della determinazione di Riina a uccidere Borsellino, ricevendo la Ganci un commento preoccupato :
''Questo ci vuole rovinare tutti''. Cancemi ha parlato esplicitamente anche della fretta di Riina nel portare a termine l'omicidio:
Io ho capito che Riina aveva premura, come vi devo dire,
di una cosa veloce, aveva... io avevo intuito questo, che il Riina questa cosa la doveva... la doveva
fare al piu' presto possibile, come se lui aveva preso qualche impegno.


Le dichiarazioni di Angelo Siino


Anche Angelo Siino, il ministro dei Lavori pubblici di Cosa Nostra, gioca un ruolo nelle indagini coperte su Berlusconi e Dell'Utri. Siino viene interrogato il 28 novembre 1997 dalla procura di Caltanisetta, ma parlera' delle vicende relative alle stragi anche con i magistrati di Firenze che indagavano sulla bomba agli Uffizi.
Siino – come abbiamo gia' visto - parla dei rapporti tra mafia e imprenditoria. Racconta dell'avvicinamento del gruppo Ferruzzi-Gardini alle imprese di costruzioni di Cosa Nostra che versavano in difficolta'. Siino racconta di come Falcone sorvegliasse attentamente il fenomeno – di qui la famosa espressione del magistrato ''La mafia sta entrando in borsa''- e del timore che il magistrato avesse intuito i legami di Cosa Nostra con il partito socialista. Stando alle dichiarazioni dello stesso Siino ai pm, Nino Gargano e Pippo Madonia gli avrebbero detto, mentre era detenuto :
''Provenzano sta cercando di agganciare di nuovo Craxi! Se ci riusciamo...''.Berlusconi, sempre stando a quanto ha dichiarato Siino, era considerato un tramite per giungere a Craxi; un'occasione propizia potevano essere gli attentati alla Standa (di proprieta' di Berlusconi), effettuati a Catania tra il 1990 e il 1991 e utilizzati come mezzo di pressione : ''Nel momento che il signor Berlusconi si veniva a lamentare, 'nuantri putivamo... accussi' videmu d'agganciari Craxi tramite Berlusconi''.
Il 2 gennaio 1998 il collaboratore di giustizia, deponendo davanti ai pm di Firenze, ha riferito di una riunione a Catania in cui si sarebbe parlato dell'''aggancio'' ai vertici del Psi, cui avrebbero partecipato Nitto Santapaola, Eugenio Gallea, Vincenzo Aiello e Giovanni Bursca. Successivamente
sarebbe stato Santapaola a dire a Siino che , durante l'incontro, Brusca gli aveva chiesto di realizzare gli attentati alla Standa per stimolare un contatto con Craxi.
Siino ha raccontato poi di colloqui in carcere con un altro mafioso, Antonino Gioe', il quale gli parlo' – come persona da utilizzare nella trattativa- di Massimo Maria Berruti, un ex ufficiale della Guardia di Finanza che, a dire di Gioe', era in contatto con Toto' di Ganci, rappresentante della famiglia di Sciacca. Berruti e' l'ufficiale che, dopo aver fatto le verifiche fiscali alle imprese edilizie di Berlusconi,(il 24 ottobre 1979 Silvio Berlussconi riceve la visita di tre ufficiali della Guardia di finanza nella sede dell'Edilnord. Si chiamano Massimo Maria Berruti, Salvatore Gallo e Alberto Corrado. Berlusconi si qualifica come ''un semplice consulente esterno'' addetto ''alla progettazione di Milano 2'' In realta' e' il proprietario unico della societa', intestata a Umberto Previti, padre di Cesare. Ma i militari fingono di crederci e chiudono in tutta fretta l'ispezione, sebbene abbiano riscontrato alcune anomalie. Berruti, il capopattuglia, lascera' le Fiamme gialle poche mesi dopo, per andare a lavorare alla Fininvest come avvocato d'affari -societa' estere, contratti per i calciatori del Milan-.Arrestato nel 1985 nell'ambito dello scandalo Icomec e poi assolto, tornera' in carcere nel 1994, insieme a Corrado, per i depistaggi nell'inchiesta sulle tangenti alla Guardia di Finanza. Gallo, invece, risultera' iscritto alla loggia p2) ha poi gettato la divisa alle ortiche per passare alle sue dipendenze come legale. Oggi siede nei banchi del Parlamento come deputato di Forza Italia, nonstante una condanna definitiva a otto mesi per una vecchia storia dell'epoca di Mani Pulite. Berruti e' anche lo specialista che, insieme all'avvocato inglese David Mills, creo' la galassia di societa' estere utilizzata per la compravendita di diritti televisivi.
Siino rivela che il boss Leoluca Bagarella – cresciuto in termini di potere, dopo la cattura di Riina, sino al punto di impensierire Provenzano – nel 1993 doveva incontrare Berruti per avviare dei contatti con Craxi. Bagarella aveva in animo una serie di attentati al patrimonio monumentale italiano, un progetto che, a dire di Siino, fu comunicato a Berruti. Di questo progetto Siino parlo' con il generale Mori e con il capitano De Donno, che nel 1993 lo contattarono per indurlo a collaborare.
Siino ha dichiarato anche di aver appreso da Michele Camarda, persona vicina a Gioe', che dietro le stragi del 1992 vi erano 'appoggi esterni' e che Cosa Nostra sin dall'attentato a Falcone era stata 'autorizzata'.


Le rivelazioni di Giovanni Brusca


Le dichiarazioni di Giovanni Brusca, uno degli artefici della strage di Capaci, hanno un ruolo controverso nell'indagine sui mandanti occulti. Brusca ha confermato che l'eliminazione di Falcone era stata studiata gia' sin dalla fine del 1990. E ha riferito che, durante uno degli inconti preparatori, commento' con Riina che quell'attentato avrebbe impedito al senatore Andreotti di diventare presidente della Repubblica. Brusca ha raccontato anche del progetto di Riina di eliminare una serie di referenti politici che si erano rivelati inaffidabili, tanto che dopo la strage di Capaci gli affido' il compito di eliminare l'onorevole Mannino, incarico che poi venne sospeso perche' si decise di concentrarsi su un obiettivo piu' importante : Paolo Borsellino.
In una di quelle riunioni Brusca seppe da Riina di quello che il boss chiamo' il ''papello'', cioe' un messaggio- da destinare a personalita' importanti e a figure istituzionali- che conteneva le condizioni imposte da Cosa Nostra allo Stato per cessare le stragi.
Brusca ha dichiarato ai pm di essere venuto a conoscenza , nel periodo compreso tra la strage del 23 maggio e quella del 19 luglio 1992, dell'esistenza di una trattativa condotta da Riina per ottenere benefici in tema di revisione dei processi, sequestro dei beni e collaboratori di giustizia. Dopo la strage di Via D'Amelio, per agevolare la ripresa e la definizione di una trattativa, Riina chiese che venisse portato a termine un ulteriore attentato nei confronti di un rappresentante delle istituzioni: come obiettivi possibili vennero individuati Alfonso Giordano e Pietro Grasso. Dell'esistenza della trattativa di cui parla Brusca si trae conferma dalle dichiarazioni del generale Mario Mori e del maggiore Giuseppe De Donno relativamente ai rapporti con Vito Ciancimino, che sarebbe stato utilizzato come tramite.
Brusca nelle sue deposizioni ha confermato, inoltre, le indicazioni di Cancemi su uno scambio di opere d'arte trafugate (tramite Paolo Bellini un personaggio che tornera' spesso in questa vicenda),
(Paolo Bellini un emiliano che si era recato in Sicilia con l'asserito compito di curare un'attivita' di gestione e recupero crediti aziendali, risulto' prima in contatto con appartenenti al Nucleo tutela del patrimonio artistico dei carabinieri e poi con ufficiali del Ros e della Dia)
per ottenere vantaggi carcerari destinati a cinque persone. Tra i beneficiari Riina aveva indicato Pippo Calo', ritenuto dagli inquirenti il cassiere della mafia a Roma e in seguito imputato dell'omicidio di Roberto Calvi.
Brusca ha raccontato agli inquirenti una serie di episodi dai quali aveva ricavato le convizioni che Riina avesse come suo consigliere politico Gaetano Cina' : un'indicazione forte, in quanto Cina' frequentava Dell'Utri e aveva frequentato al residenza di Arcore. Cina', inoltre, era colui che aveva organizzato l'incontro di Berlusconi con Stefano Bontate e Mimmo Teresi nella sede della Edilnord gia' nel lontano1974
.Brusca ha confermato, poi, di essersi rivolto a Mangano tra il 1993 e il 1994, per sapere se fossero vere le indiscrezioni di circolate sul settimanale ''l'Espresso' in merito a rapporti di Berlusconi e dell'Utri con la mafia e di avere ricevuto conferma dalla stalliere :
Gli chiedo a Vittorio Mangano se era vero o non era vero (..) e quello mi conferma tutto paro paro :
''Si, vero e'''. Allora dico : ''Sei in condizioni di ripristinare, cioe' di riprendere un'altra volta i contatti con Berlusconi?''. Dice : ''Si'', dice ''Fammi vedere''. Va a Milano, torna e mi porta la risposta che e' a disposizione, cioe' c'e' il contatto di potere riprendere con Silvio Berlusconi, pero' non gli domando tramite chi.


Il 21 settembre 1999, sentito dai pm di Firenze, Brusca ha dichiarato di ricordare che nel corso degli anni 1982-83 Ignazio Pullara', reggente della famiglia di Santa Maria del Gesu' a partire dall'arresto del fratello Giovan Battista, gli diceva che a Berlusconi e a Canale 5 '' gli faceva uscire i picciuli'', che venivano erogati con un versamento mensile. Pullara' gli disse di essere subrentato in un rapporto gia' instaurato da Stefano Bontate, che nel frattempo era stato ammazzato. Queste notizie sono state consegnate anche ai pm nisseni in un interrogatorio del 26 giugno 1999.
Brusca ha ammesso, inoltre,in una delle varie deposizioni, di aver inviato a Berlusconi, tramite Mangano, un messaggio : il Cavaliere avrebbe potuto sfruttare le circostanze politiche dell'epoca per 'attaccare il governo precedente, che era un governo di sinistra, anche se era un governo tecnico, ma era un governo di sinistra, e che se lui non sarebbe venuto incontro a noi con certe esigenze avremmo continuato''.
Nonostante queste pesanti indicazioni, quando a Brusca e' stato chiesto di riferire in merito a possibili rapporti di Cosa Nostra con Berlusconi e Dell'Utri, Brusca non si e' detto in grado di fornire indicazioni specifiche di sua diretta esperienza.


Le dichiarazioni di Salvatore Cucuzza


A sollevare qualche dubbio su possibili reticenze di Brusca e' il boss del mandamento di Porta Nuova Salvatore Cucuzza che in, che in un interrogatorio del 18 maggio 1999 alla procura di Firenze (processo di Corte d'Assise contro Giuseppe Graviano + 3) racconta degli stretti rapporti esistenti tra Mangano e Brusca.
Nonostante il potentissimo Pippo Calo', il cassiere di Cosa Nostra detenuto in carcere, non si sentisse garantito da Mangano, che era stato nominato reggente del mandamento di Porta Nuova, Brusca e Bagarella insistettero perche' quel ruolo fosse mantenuto, assumendosene ogni responsabilita'.
''Cucuzza ha spiegato che questa predilezione per Mangano dipendeva dal fatto che in Cosa Nostra tutta erano noti i suoi agganci '' a livello politico'', ai quali sia Brusca sia Bagarella tenevano molto. Tanto che si giunse al compromesso di una co-reggenza di Mangano e Cucuzza'' segnala Simone Falanca. Secondo Cucuzza, Vittorio Mangano riusci' a tenere stretti a se' Brusca e Bagarella proprio in virtu' dei rapporti con Dell'Utri e non assunse mai alcuna iniziativa senza tenerli informati. Il collaboratore ha, poi, confermato le dazioni di Berlusconi prima a Bontate, poi a Teresi, infine a Pullara'.
Nel 1994, dopo un periodo di carcerazione, Cucuzza torno' a parlare con Mangano dei suoi rapporti con Dell'Utri. E Mangano gli disse di essere ancora in contatto con lui e che grazie a lui '' poteva influenzare qualche cosa (...) di interesse naturalmente di Cosa Nostra'''.
Bruga e Bagarella, per convincere Cucuzza della necessita' di mantenere Mangano ai vertici del mandamento di Porta Nuova, nonostante le perplessita' del potente Pippo Calo', gli spiegarono che attraverso Dell'Utri Mangano aveva fatto conoscere in anticipo della possibilita' di ottenere una disciplina favorevole a Cosa Nostra in relazione al noto ''decreto Biondi'',(Il 13 luglio 1994, il governo Berlusconi emano' un decreto legge (il cosiddetto ''decreto Biondi'', dal nome dell'allora ministro della Giustizia) che favoriva gli arresti domicialiari nella fase cautelare per la maggior parte degli indagati per corruzione. Il Pool di Mani Pulite annuncio' l'autoscioglimento in televisione, menre Bossi e Fini minacciariono di far cadere il governo,. Il decreto venne cosi' ritirato) poi ritirato in seguito alle polemiche suscitate.
Per Mangano, ha rivelato ancora Cucuzza, veniva tenuto in affitto un ufficio a Como, all'interno del quale egli diceva di incontrare Dell'Utri, che arrivava in elicottero. Secondo quanto Cucuzza ha riferito di aver sentito da Mangano, Dell'Utri mandava a dire : '' Non fate rumore, perche' altrimenti ci mettete in condizione di non potere fare niente''; e anche ''Si, faremo, faremo, pero' stiamo attenti, non facciamo succedere cose''.
Il senatore aveva anche pronunciato che all'inizio del 1994 sarebbero state adottate normative con aspetti piu' vantaggiosi per Cosa Nostra.
Quanto al disegno stragista, Cucuzza ha indicato come propria fonte di informazione Brusca, che gli avrebbe parlato della strategia di Cosa Nostra di portare lo Stato a una trattativa e dell'impegno di Riina in questo senso, profuso avvalendosi di persone che ''aveva nelle mani''.
Le deposizioni di Cucuzza disegnano percio' un ruolo diverso di Brusca nella piu' ampia strategia di Cosa Nostra.
I rapporti preferenziali tra Brusca e Mangano e l'interessamento di Dell'Utri alle sorti di quest'ultimo, dopo che era stato arrestato, sono state confermate anche da un altro collaboratore di giustizia, Vincenzo La Piana, nel corso di interrogatori resi ai pubblici ministeri di Milano (5 e 6 novembre 1997), Torino e Palermo (3 dicembre 1997).


Le dichiarazioni di Tullio Cannella


Le indagini sui mandanti occulti prendono in considerazione anche le dichiarazioni di Tullio Cannella, un mafioso divenuto collaboratore di giustizia che viene interrogato dai pm di Caltanisetta il 28 maggio e il 23 luglio 1997, ma che offre elementi rilevanti anche ad altre procure (verbale dell'interrogatorio reso il 17 luglio 1997 ai pm di Palermo).
Bagarella era gia' perfettamente a conoscenza che era in cantiere la discesa in campo di Silvio Berlusconi a capo di un nuovo movimento politico che ci avrebbe assicurato, in virtu' di impegni preesistenti, di risolvere le questioni che piu' stavano a cuore a Cosa Nostra e cioe' : pentimenti, carcere duro e reato di associazione mafioso. Chiarisco che queste erano, per cosi' dire, le priorita' che l'accordo con Berlusconi ci avrebbe consentito a breve termine di affrontare e di risolvere. Questa strategia non escludeva, anzi camminava di pari passo, con quella separatista.


Cannella, nelle sue deposizioni, ha insistito sugli impegni preesistenti di Berlusconi con uomini di Cosa Nostra, sottolineando che l'accordo era stato coltivato dai fratelli Giuseppe e Filippo Graviano, potenti boss di Brancaccio, per conto di tutta l'organizzazione, negli anni 1991-92 (i Graviano, dopo una lunga latitanza, vennero arrestati in una trattoria di Milano il 28 gennaio 1994).
Cannella ha detto di aver appreso dell'esistenza di presunti rapporti tra Berlusconi e i Graviano da Bagarella. Sempre Bagarella disse :
A Roma si era costituito un ottimo rapporto con il costruttore Franco Caltagirone, a sua volta in rapporto con Giulio Andreotti. Dico meglio, i Graviano avevano ripreso un vecchio rapporto che il Caltagirone aveva avuto con Cosa Nostra sin dai tempi di Stefano Bontate. A Milano i rapporti, sempre per quanto dettomi da Bagarella e confermatomi da Cesare Lupo, erano stati costituiti da Marcello Dell'Utri con cui i Graviano si incontravano personalmente. La nascita ed il consolidarsi delle relazioni di cui ho appena detto concretizzo' definitivamente un rapporto di amicizia e di collaborazione su tutti i fronti con Dell'Utri e conseguentemente con Berlusconi.
Questa non e' solo una mia deduzione ma fu oggetto di numerose conversazioni con Leoluca Bagarella, oltre che con altri uomini di Cosa Nostra.

Cannella ha poi parlato di una serie di attivita' svolte da uomini di Cosa Nostra al fine di sostenere Berlusconi nella competizione elettorale del 1994.
Quando Berlusconi tenne l'ultimo comizio della sua campagna elettorale a Palermo presso la Fiera del mediterraneo, io ero presente su incarico di Bagarella. Riferii poi, allo stesso Bagarella, di una frase di Berlusconi cui i manifestava un vago proposito di utilizzare i voti ''contro la delinquenza''. Bagarella mi disse che era una frase ''obbligata'' per l'opinione pubblica e per i giornalisti, dato che si era contestato al Berlusconi che non parlava mai di mafia; ma in quella stessa occasione mi assicuro', ancora una volta, che lo stesso aveva preso 'impegni seri' con noi, intendendo con tutta Cosa Nostra.

Nell'interrogatorio del 7 novembre 1997 Cannella e' tornato sugli accordi tra Berlusconi e Cosa Nostra e sui contatti curati dai Graviano :
'Nel gennaio 1994, mentre ci trovavamo presso il mio studio ubicato a Palermo, via Nicolo' Gallo numero 14, ove Leoluca Bagarella con frequenza quasi quotidiana soleva raggiungermi, avevo un colloquio con quest'ultimo. Nell'occasione chiedevo al mio interlocutore come mai Cosa Nostra si era determinata a commettere le stragi in Sicilia nel 1992 e quelle successive nel continente nel 1993 e quali garanzie avevano avuto loro dal mondo politico e istituzionale per evitare le prevedibili conseguenze negative ricollegabili a tali fatti eclatanti (...) A fronte di tale mio articolato ragionamento, il Bagarella replico', per tranquillizzarmi, dicendomi di non preoccuparmi perche' avevano avuto ''delle garanzie'' e che si trattava solo di vedere se gli impegni presi sarebbero stati mantenuti subito dopo le elezioni. Non mi preciso', in questa sede, da chi erano state date le garanzie, ma mi assicuro' che comunque ''l'operazione era stata studiata bene'' e che vi era la possibilita' di accollare le stragi a organismi terroristici del tipo ''Falange Armata''

Le dichiarazioni di Gioacchino Pennino

Importanti ai fini investigativi sono state ritenute anche le dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Gioacchino Pennino, il 3 e 13 marzo 1998 e il 22 aprile 1998.
Pennino ha riferito di notizie apprese all'interno di Cosa Nostra sui rapporti intrattenuti da Mangano con Berlusconi e dai Graviano con Dell'Utri.
In un verbale del 13 marzo 1998, interrogato sulle stragi di Capaci e via D'Amelio, Pennino ha dichiarato di aver appreso da due fonti che Silvio Berlusconi era il mandante delle stragi del 1993.La prima fonte era un medico, il dottor Giuseppe Ciaccio, uomo d'onore di una famiglia dell'Agrigentino; la seconda era Pinuzzo Marsala, uomo d'onore della famiglia di Santa Maria del Gesu'.
Dalle indagini del Gruppo Falcone e Borsellino e' emerso che Giuseppe Ciaccio era effettivamente un radiologo, fin dal 1974 sottoposto ad accertamenti in seguito alle dichiarazione del collaboratore Leonardo Vitale, che lo indico' come affiliato a Cosa Nostra. Ciaccio era morto il 25 agosto 1995, cosi' come era deceduta l'altra fonte, Giuseppe Marsala, che aveva contatti con il senatore Vincenzo Inzerillo e con il senatore Cerami, personaggi indicati da vari collaboratori di giustizia come interlocutori di Cosa Nostra. Marsala mori' il 5 aprile 1997 gettandosi dal balcone della sua abitazione. Le dichiarazioni di Pennino, essendo 'de relato' e non riscontrabili per la morte dei due uomini, sono state giudicate inutilizzabili.

Le dichiarazioni di Maurizio Avola

Maurizio Avola, un collaboratore di giustizia appartenente alla famiglia Santapaola e legata al boss Aldo Ercolano, fu interrogato dalla Corte d'assise di Caltanisetta il 9 aprile 1999 per la strage di via D'Amelio. Avola ha riferito che, nel settembre 1992, si tenne una riunione a Catania – cui parteciparono Riina, Eugenio Galea , Marcello D'Agata, Aldo Ercolano, Alfio Fichera e lo stesso Avola – in cui si discusse della nascita di un nuovo partito. Avola ha affermato di aver appreso da D'Agata che, per sostenere il nuovo partito, era necessario portare avanti un attacco violento allo Stato. E che questo attacco era stato delegato a Cosa Nostra gia' all'inizio del 1992, prima delle stragi di Capaci e di via D'Amelio.
Avola ha raccontato ai pubblici ministeri di Messina, nell'interrogatorio del 25 maggio 1999:
'Tutto deriva dai contatti (..) tra Alfano e Dell'Utri. A Messina alla fine del 1991 ci sono stati degli incontri cui hanno partecipato Alfano, Sparacio e Dell'Utri e alcuni uomini d'onore della famiglia catanese di Cosa Nostra.

Secondo Avola, dopo gli attentati alla Standa di Catania, Alfano fece da mediatore per conto della famiglia catanese con Marcello Dell'Utri e allaccio' con lui un rapporto diretto.
La citata riunione a Messina della fine del 1991 sarebbe servita a Cosa Nostra per consentire a una forza politica nuova di assumere posizioni di potere, affinche' la rappresentasse in luogo dei precedenti referenti politici che l'avevano tradita. Il progetto prevedeva l'eliminazione di personaggi pubblici particolarmente rappresentativi tra politici e magistrati.
Secondo Avola, la cui collaborazione e' stata segnata tuttavia da ripensamenti,crisi e ritorni, gia' dai primi mesi del 1992 Falcone era stato individuato come obiettivo e il boss D'Agata gli aveva detto
che era in corso la fase preparatoria dell'attentato. Avola sostiene che in quel periodo aveva curato il trasporto di una certa quantita' di esplosivo con la consapevolezza che sarebbe servito alla strage di Capaci.
Va notato che molte delle ricostruzioni relative alla nascita di Forza Italia trovano una conferma nella figura di Ezio Cartotto, un ex-democristiano che insiemea Dell'Utri ideo' e creo' il nuovo partito. Cartotto in svariate deposizioni ha attestato come il progetto di Forza Italia fosse vivo gia' a meta' del 1992 e non due-tre mesi prima delle elezioni del 1994, come sostenuto ad esempio da Francesco Cossiga.

Le divergenze all'interno del pool di Caltanisetta e il bilancio delle indagini

Nel 2000 il pool della procura di Caltanisetta, avvicinandosi alla data di scadenza dei termini di proroga delle indagini, entro' in una situazione di stallo.
In un saggio pubblicato su 'Micromega', Marco Travaglio riassume cosi' la situazione :
'Si e' molto discusso delle dichiarazioni di Brusca e Cancemi su Berlusconi e Dell'Utri: secondo i pm Tescaroli, Palma e Di Matteo, esse sono abbastanza convergenti e complementari (secondo le rispettive conoscenze dei due capimafia) da far ipotizzare, a carico dei due fondatori di Forza Italia, il reato di concorso in strage e, alla scadenza delle indagini, da giustificare una richiesta di archiviazione per insufficienza di prove, non certo perche' emergesse la loro totale estraneita' ai fatti
Secondo il procuratore capo di Caltanisetta Giovanni Tinebra (poi promosso dal governo Berlusconi alla presidenza del Dipartimento amministrazione penitenziaria), invece, Brusca e Cancemi si contraddicono: dunque la richiesta di archiviazione deve essere pienamente liberatoria. Cosi' la richiesta di archiviazione approntata da Tescaroli viene riscritta da Tinebra (membro della lobby massonica del kiwanis ndr) con la penna intinta di miele, cancellando tutti i riferimenti scomodi sul Cavaliere e sul suo braccio destro. Ora i giudici della Corte d'assise d'appello sembrano dare ragione a Tescaroli. Si legge infatti nella sentenza del 23 giugno 2001 : ''Le dichiarazioni rese da
Salvatore Cancemi si sono saldate con quelle provienti da Giovanni Brusca. Tra le due ricostruzioni offerte dai collaboranti vi e' una sostanziale convergenza''.
Luca Tescaroli ricostruisce il clima di quei difficili giorni dell'ottobre 2000 alla procura di Caltanisetta e, per quanto attiene al nodo dell'archiviazione, cerca di fare chiarezza.
''Io dico questo : all'interno dello Stato c'e' stata la massima collaborazione per ricercare la verita' fino a quando si e' trattato di andare avanti nelle indagini e nei processi nei confronti degli esecutori, dei mandanti interni all'organizzazione. E vi e' stato uno sforzo corale da parte di tutti anche in seno all'ufficio. Io stesso sono stato posto nelle condizioni di seguire le indagini sulla strage di Capaci;sono stato: sono stato esonerato – da quando e' partito il processo – da quasi tutti gli impegni professionali. E questo denota che vi e' stato un contributo, una collaborazione da parte dei vertici dell'ufficio. Man mano che il tempo passava, tuttavia, la situazione e' cambiata, soprattutto quando si e' trattato di investigare in una certa direzione. Questo sforzo corale io non l'ho piu' avvertito. Io sono rimasto a Caltanisetta fino alla fine del 2000 ma certamente qualcosa, nel corso degli anni, era cambiato''.
Quali sono gli elementi che rendono visibile questo cambiamento di clima all'interno del pool?
''Io non vorrei lanciare accuse nei confronti di nessuno, ma la realta' oggettiva e' questa : la situazione era cambiata. Io ho avvertito un proposito di investigare in questa direzione in maniera incondizionata da parte di Antonino Di Matteo e di Anna Palma, senza riserve; cosi come da parte di Carmelo Petralia. Insieme abbiamo cercato di fare quanto era possibile, ma alla fine sono rimasto solo io, perche' Petralia ha cessato la sua applicazione nel luglio del 1998 e ha assunto altri incarichi, Di Matteo e' andato a fare il sostituto procuratore a Palermo nei primi mesi del 1999 e Anna Palma, a distanza di un po' di tempo, e' andata alla procura di Palermo, come procuratore aggiunto. Quindi ci sono stati vari fattori che hanno inciso, ma certo lo scompaginamento del pool ha avuto un effetto destabilizzante su quell'indagine....''.
Tescaroli cerca di spiegare un aspetto tecnico importante.
''Io scrissi due bozze di richieste di archiviazione : la prima nel mese di luglio 2000, la seconda nell'ottobre successivo. Nessuna di queste iniziative fu condivisa dai vertici dell'ufficio (a quel punto eravamo rimasti in tre : io, Tinebra e Giordano).Scrissi questo provvedimento, ma non piacque perche' le valutazioni in ordine alle fonti di prova che alimentavano questa indagine non erano ritentute condivisibili. I vertici dell'ufficio ritenevano necessaria una richiesta di archiviazione completamente liberatoria. E io ritenevo che non potesse esserlo. Furono i miei due colleghi a non firmarla, credo che questo debba essere chiarito. Non solo non venne firmata, ma all'atto della presentazione della mia seconda bozza di richiesta di archiviazione venne integrato il nostro team di magistrati con l'inserimento di un altro collega, Salvatore Leopardi, il quale sino a quel momento non si era mai occupato delle stragi. Poi la mia applicazione cesso' il 29 ottobre 2000 e non venne piu' rinnovata''.
C'e' un altro aspetto importante, in quelle delicata inchiesta, che e' stato spesso trascurato.
''Il punto e' che, parallelamente all'indagine sui mandanti, ve ne era un'altra aperta, quella relativa a Filippo Alberto Rapisarda''.
Filippo Alberto Rapisarda e' un finanziere, legato ai fratelli Marcello e Alberto Dell'Utri, con i quali lavoro', che ha affermato che tra la fine del 1978 e l'inizio del 1979 i boss Stefano Bontate e Mimmo Teresi sarebbero diventati soci occulti di Berlusconi, riciclando 10 miliardi di lire, frutto delle loro attivita' illecite. Rapisarda afferma che le somme vennero consegnate a Dell'Utri in sacche di tela scusa da due uomini d'onore. L'ingente quantita' di denaro sarebbe stata consegnata a Berlusconi nella villa di Arcore e -sempre secondo Rapisarda- sarebbe stata poi utilizzata per attivita' imprenditoriali.
Nonostante le affermazioni di Rapisarda si sommino a quelle del collaboratore Francesco Di Carlo, contro il finanziere si scateno' una guerra, combattuta non solo dagli avvocati di Berlusconi e Dell'Utri, ma anche da alcuni magistrati, che lo volevano incriminare per calunnia.
''Questo e' un aspetto fondamentale, perche' alcuni miei colleghi volevano mandare a giudizio per calunnia Rapisarda, che poi fu anche uno dei testi di accusa del processo Dell'Utri. Io ho formalmente espresso il mio motivato diniego, perche' gli elementi di prova non consentivano di ipotizzare nei suoi confronti un reato di calunnia''.
Perche' si voleva delegittimare Rapisarda?
''Il processo Dell'Utri era ed e' un processo uguale a tutti gli altri, quindi i criteri di valutazione della prova devono essere gli stessi. Io motivai le mie osservazioni, ma i colleghi della procura di Caltanisetta gia' preparavano l'avviso di conclusione delle indagini e mi invitarono a firmarlo in bianco. Io non accettai, perche' per ogni procedimento devo conoscere le carte sino in fondo prima di esprimere una valutazione ragionata. Io non ho firmato quell'atto nei confronti di Rapisarda, motivando la mia scelta con una nota in cui ne spiegavo le ragioni''.
Nella vicenda di Rapisarda, teste fondamentale nel processo a carico di Dell'Utri, intervennero forti pressioni esterne.
''Il punto era questo : l'imputazione che doveva essere mossa a Rapisarda era la falsa accusa da parte sua di aver ricevuto da Stefano Bontate e Mimmo Teresi 10 milardi di lire, frutto delle attivita' illecite di Cosa Nostra. Mentre questo dato di prova era nell'atto di accusa del processo contro Dell'Utri. Il ''Corriere della Sera'' pubblico' la notizia per cui io, invece, avrei sostenuto la necessita' di incolpare Rapisarda. Evidentemente la notizia era stata diffusa ad arte. Certamente non sono stato io, perche' non avevo alcun interesse a farlo e la notizia era clamorasamente falsa, qualcuno quindi ha voluto usare politicamente la giustizia. Io non accetto atteggiamenti di questo tipo : feci una smentita formale al ''Corriere della Sera''''.
Torniamo alla vicenda dei mandanti occulti. La bozza Tescaroli,.il testo della sua richiesta di archiviazione, in cosa differiva dal testo di Tinebra e Giordano?
''La tesi fondamentale di Tinebra e Giordano era che le dichiarazioni di Cancemi e Bruscsa si contraddicevano. Cosa che invece non era, descrivevano semplicemente due aspetti diversi della realta'''.
Tescaroli descrive quei mesi difficili.
''E' stato un periodo di grande difficolta' , per piu' ragioni. La prima era che avevo in corso contemporaneamente diversi procedimenti particolarmente impegnativi. Fu per me il periodo piu' estenuante, con ritmi ai confini della sopportazione. Arrivavo a lavorare fino a diciotto ore al giorno. Al contempo, dovevo sostenere il carico ordinario delle assegnazioni alla procura di Roma, sostanzialmente senza un ufficio e senza la collaborazione di alcun ufficiale di polizia giudiziaria.
A Caltanisetta vivevo nell'albergo San Michele, la mia fidanzata che nel frattempo era diventata mia moglie, era a Roma, ero costretto a percorrere anche piu' volte alla settimana il tragitto Roma-Caltanisetta. Avevo imparato a lavorare in macchina, in aereo e sino a notte inoltrata.
''Un giorno fui convocato dal dottor Tinebra nel suo ufficio. Erano presenti i colleghi assegnatari del procedimento Rapisarda, che avevano preparato un avviso di conclusione delle indagini preliminari nei suoi confronti (un atto di accusa). Me lo esibirono per farmelo firmare.
Nonostante l'invito pressante, dissi che in quel momento non potevo farlo e mi riservai di rivisitare tutti gli atti per poter maturare una mia convizione, da discutere nel caso in cui non fosse stata in linea con la proposta''.
Chiediamo a Tescaroli se la richiesta di archiviazione per Berlusconi-Dell'Utri sia precedente o successiva al suo diniego a firmare il decreto per Rapisarda.
''E' dello stesso periodo. La mia seconda bozza e' del 23 ottobre 2000, mentre riuscii a predisporre il mio parere su Rapisarda il 21 ottobre 2000. Ricordo quei giorni in modo molto particolare, perche' soppesai con il massimo impegno ogni singolo elemento di prova per il formarmi un convicimento scevro da qualsiasi condizionamento esterno''.
Tescaroli sottopose la sua bozza di archiviazione per Berlusconi-Dell'Utri a Tinebra, Giordano e Leopardi.
Mentre Tinebra e Giordano presentarono una loro richiesta di archiviazione nei confronti di Berlusconi e Dell'Utri successiva.
''Il gip Giovanbattista Tona, quando gia' avevo lasciato la procura di Caltanisetta, accolse la richiesta di archiviazione presentata dalla procura. Ho letto il decreto di archiviazione, perche' pubblicato a piu' riprese: sposo' in realta' la mia posizione.
''Non e' questa la sede in cui analizzare le singole risultanze, benche' siano state rese pubbliche integralmente. Va sottolineato, pero', che la motivazione di quell'atto fu del tutto in linea con quella
che avevo posto a fondamento della richiesta che avevo preparato e che i vertici dell'ufficio non vollero condividere. Non fu completamente liberatoria, non rilevo' le contraddizioni tra le dichiarazioni di Brusca e Cancemi e non ritenne l'indagine priva di fondamento.
''La legge e' e deve essere uguale per tutti, non devono essere fatti sconti per nessuno. Io credo in questo, profondamente. Tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge, esiste un principio cardine che e' quello della obbligatorieta' dell'azione penale, che e' garanzia di uguaglianza per tutti i cittadini e che impone di non distinguere sulla base del censo, della posizione sociale, del ruolo rivestito, all'interno della comunita' nella quale viviamo. Io questa prospettiva si deve lavorare.
''Io sono un magistrato e sono sottoposto alla legge. Credo che inserire una discriminazione nel trattamento tra le varie persone sai un 'vulnus' nel principio di uguaglianza. Derogare a questo fondamentale principio puo' essere foriero di gravissime conseguenze ed essere il viatico per assicurare l'impunita' a soggetti che detengono il potere.
I beneficiari di certi provvedimenti legislativi non possono essere coloro che li decidono, pena
una rottura del sistema, del contratto sociale: come dire che c'e' una persona che si autoassolve, si autoesclude dal sistema. In ogni caso, esiste la Corte costituzionale, che e' preposta ad accertare la costituzionalita' delle norme''.
Torniamo alle indagini. Ci sono diversi collaboratori di giustizia che parlano dei mandanti esterni delle stragi, che descrivono una sorta di patto segreto con Riina. Le dichiarazioni di Cancamei, Ganci, Brusca, Cucuzza, Avola sono pezzi diversi di un'unica realta'?
''Potrebbero esserlo. Sul punto occorre indagare. Non tutti i collaboratori di giustizia hanno lo stesso grado di affidabilita'. Ogni dichiarazione va attentamente vagliata. In seno a Cosa Nostra, nei casi in cui ci si trovi dinanzi a realta' complesse, la stessa cosa puo' non essere conosciuta da tutti gli uomini d'onore, sia pure autorevoli, nella sua integralita'. Rispetto ai rapporti che Riina ebbe nel periodo dello stragismo, Brusca e Cancemi-che, non dimentichiamolo, facevano parte della Commissione provinciale di Cosa Nostra-non avevano una visione complessiva. Salvatore Cancemi e' reo confesso della strage di Capaci e di via D'Amelio. Giovanni Brusca ha confessato il suo coinvolgimento nella strage di Capaci, e' colui che ha premuto il telecomando che ha provocato l'esplosione. Io credo che le loro dichiarazioni debbano essere analizzate in maniera attenta e critica sulla base dei criteri fissati dalla giurisprudenza, che rispondono a principi di buon senso.Cancemi ha reso le sue dichiarazioni in maniera progressiva, e bisogna individuarne le cause.
C'e' poi un altro dato che non va dimenticato : Cancemi e Brusca sono stati riconosciuti attendibili in moltissimi processi, tanto e' vero che entrambi hanno ricevuto la speciale attenuante per la collaborazione''.
Il pensiero di Tescaroli e' chiaro: su un tema cosi ' delicato la procura doveva continuare a indagare e tentare di raggiungere una visione unitaria.
''Si e' accertata l'esistenza di un'unica strategia terroristica-eversiva, che includeva non solo la strage di Capaci e di via D'Amelio, ma in quel momento era molto piu' ampia. C'era un progetto criminale aperto, che prevedeva l'individuazione sin dall'inizio di una serie di obiettivi e che doveva completarsi fino al raggiungimento dello scopo dell'organizzazione: quello di combattere i nemici, eliminare gli 'amici' che avevano tradito e creare le premesse per nuovi rapporti con soggetti esterni all'organizzazione mafiosa in grado di far fronte alle aspettative di Cosa Nostra.
''Una visione unitaria che imponeva di proseguire le investigazioni e di abbandonare la visione parcellizzata limitata ai soli episodi stragisti del 1992. Questo era il mio intendimento. Mi dispiace di non essere riuscito a convincere i colleghi che sono stati coassegnatari del procedimento...''.
Tescaroli compie un bilancio di quelle indagini cosi' delicate e mostra il suo rammarico per gli attacchi strumentali che gli sono stati rivolti.
''Dal 1994 e sino alla data di scadenza dell'applicazione alla Direzione distrettuale antimafia di Caltanisetta- il 29 ottobre 2000-curai le investigazioni, svolte nell'ambito di piu' procedimenti penali, volte a individuare ulteriori responsabili, a livello ideativo e deliberativo, del disegno stragista. Fu un impegno che attiro' su di me numerosi e ingiusti attacchi, provenienti da esponenti di mass media politicamente orientati, che mi indussero a sporgere querele per diffamazione nei confronti di vari giornalisti, i quali sono stati poi riconosciuti colpevoli di avermi deliberamente offeso. Tali comportamenti contribuirono a rendere piu' complicato il gia' difficile lavoro che stavo svolgendo e mi costrinsero persino a spiegare pubblicamente le ragioni delle indagini che stavo conducendo e la correttezza delle stesso''.
Le indagini su Alfa e Beta, ovvero Berlusconi e Dell'Utri, resero Tescaroli un obiettivo politico?
''Il fatto stesso di procedere a investigazioni nei confronti degli onorevoli Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri aveva assunto, agli occhi di alcuni, aspetti disdicevoli. Fui accusato anche di voler lasciare una 'macchia infamante' nella storia dei due uomini politici, con la predisposizione di una richiesta di archiviazione del procedimento diversa da quella di Tinebra e dei colleghi.
Venne detto che le dichiarazioni di Brusca e Cancemi erano contraddittorie. Fui accusato di portare avanti teoremi fantasiosi. Persino di recente e' stato scritto che mi ero rifiutato di firmare la richiesta di archiviazione e che non volevo archiviare il procedimento. In realta', le cose non andarono cosi'. Come ho detto, io scrissi dui bozze di richiesta di archiviazione, che non sono state condivise dai coassegnatari del procedimento. Ero e sono convinto, voglio ribadirlo, che le investigazioni debbano essere svolte senza riguardi per nessuno in ossequio al principio 'La legge e' uguale per tutti'', che campeggia nelle aule dei tribunali del nostro paese''.
Tescaroli riassume gli elementi raccolti, richiamando le risultanze dibattimentali che gli fanno ritenere che le indagini dovessero essere approfondite.
''E' utilie rievocare, in estrema sintesi, gli elementi di prova emersi e le valutazioni espresse sui presunti mandanti a volto coperto nei processi a carico dei responsabili delle stragi di Capaci e via D'Amelio, che non solo legittimarono, ma resero doveroso quanto feci. Comincio dai principali collaboratori di giustizia.
''Angelo Siino racconto' di aver appreso da Nino Gargano e da Giuseppe Madonia che nei primi anni Novanta Bernardo Provenzano stava adoperandosi ''per agginaciare Craxi tramite Berlusconi''.
''Successivamente, Antonio Gioe' gli avrebbe riferito che Leoluca Bagarella, tramite un ex ufficiale della Guardia di Finanza, stava cercando di contattare una persona influente vicina all'onorevole Craxi, e che tal fine era necessario 'fare piu' rumore possibile'', alludendo a futuri attentati, per consentirgli poi di intervenire per fare sistemare ''la situazione in Italia'' a favore di Cosa Nostra.
Insomma, fare la guerra per fare la pace.
''Salvatore Cancemi, al processo d'appello per la strage di Capaci, rivelo' che Riina, prima della strage, si era incontrato con ''persone importanti' e gli aveva riferito che si trattava di Dell'Utri e Berlusconi. Aggiunse che appartenenti al gruppo Fininvest versavano periodicamente 200 milioni di lire a titolo di contributo a Cosa Nostra. Sottolineo' che Riina se era attivato, dagli anni 1990-91, per coltivare direttamente-mettendo in disparte Vittorio Mangano, che fino a quel momento li aveva gestiti- i rapporti con i vertici della Fininvest tramite Craxi. Cancemi non seppe precisare se e come Riina avesse preso il controllo diretto di questo rapporto, ma ricollego' la stagione stragista proprio a tale avvicendamento fra Mangano e Riina. Poi aggiunse che Riina, nel 1991, gli aveva riferito che Berlusconi e Dell'Utri erano ''interessati ad acquistare la zona vecchia di Palermo'' e che lui stesso (Riina) si sarebbe occupato dell'affare, avendo i due personaggi 'nelle mani'. Le indicazioni sui versamenti da Fininvest a Cosa Nostra hanno trovato puntuali conferme da altri collaboratori (Francesco Paolo Anzelmo, Aurelio Neri, Giovan Battista Ferrante, Antonino Galliano, Calogero Ganci) e da alcuni riscontri oggettivi.
''Giovanni Brusca affermo' anche lui che Berlusconi 'mandava qualche cosa giu' come regalo, come contributo, come estorsione'' a suo cugino (di Brusca), Ignazio Pullara'. Quest'ultimo inviava un certo Contorno (omonimo del noto pentito) e Zanga a ritirare il denaro negli anni 1981-83.
''Salvatore Cancemi racconto' che in una riunione, circa venti giorni prima di Capaci, Riina aveva fatto presente che esistevano accordi con Berlusconi e Dell'Utri per una serie di leggi favorevoli all'organizzazione, intervenenti sull'autorita' giudiziaria e garanzie dalle conseguenze derivanti dalla strage di Capaci. Parlo' di contatti tra i vertici di Cosa Nostra e soggetti capaci di orientare le leggi in senso favorevole all'organizzazione, intercorsi sia prima sia dopo l'arresto di Riina.
Aggiunse che-nella riunione tenutasi per brindare alla strage di Capaci e deliberare quella di via D'Amelio, presenti anche Raffaele Ganci e Salvatore Biondino-Riina confermo' con una frase (''La responsabilita' e' mia'') di aver ricevuto precise garanzie in favore di Cosa Nostra, nonostante l'imminente eclatante attentato, da parte delle 'persone importanti (che indico' in Dell'Utri e Berlusconi) alle quali aveva presentato una serie di richiesta : ''far annullare 'sta legge sui pentiti'', abolire l'ergastolo, eliminare o affievolire la legge sul sequestro dei beni e cosi' via.
In quell'occasione (fra la strage di Capaci e quella di D'Amelio), Cancemi riferi' che Riina disse :
''Io mi sto giocando i denti, possiamo dormire sonni tranquilli: ho Dell'Utri e Berlusconi nelle mani,
che questo e' un bene per tutta Cosa Nostra.(...)Queste persone sono quelle che ci devono portare del bene, e noi li dobbiamo garantire ora, e nel futuro di piu'''.
''Giovanni Brusca dichiaro' di aver saputo anche a lui, fra la strage del 23 maggio e quella del 19 luglio 1992, di una trattativa condotta da Riina per ottenere benefici in tema di revisione dei processi, sequestro dei beni, collaboratori di giustizia ecc. Dopo via D'Amelio, per agevolare la ripresa e la definizione del negoziato, richieste l'effettuazione di un ulteriore attentato contro un rappresentante delle istituzioni, individuato nel presidente del maxiprocesso Alfonso Giordano o
nel giudice Piero Grasso.
Eliminato Salvo Lima-racconto' Brusca- si 'andavano' a cercare nuovi contatti''. Un canale era rappresentato dall'impresa Reale. Dopo la strage di Capaci, incontro due volte Riina a tu per tu e gli chiese :
''Come va?Che si dice? Che notizia abbiamo?Reazioni?''.
La prima volta, dieci-quindici giorni dopo la strage, Riina rispose che i suoi interlocutori 'volevano portare a questo Bossi'', che Riina considerava un pazzo e che non gli interessava. La secondo, una o due settimane prima di via D'Amelio, Riina gli confido' che 'si sono fatti sotto'.
Tre o quattro mesi dopo, tramite Salvatore Biondino (coinvolto nelle stragi di Capaci e via D'Amelio e arrestato in compagnia di Riina il 15 gennaio 1992), Riina gli fece sapere : ''Si sono fermati, ci vuole un altro colpetto'', cioe' un nuovo attentato.Brusca si attivo' per colpire il giudice Pietro Grasso.Riina gli disse anche di aver consegnato a questi interlocutori ''un papello'' con le sue richieste.
Brusca allora non sapeva che fossero quegli interlocutori ma, su sollecitazione degli inquirenti, ha fatto delle deduzioni basate su fatti vissuti e ha concluso che potessero essere Antonino Cina' -uomo d'onore del clan di San Lorenzo, vicino a Dell'Utri e Berlusconi- e Vito Cincimino. Brusca collego', poi, la trattativa con il progetto politico-imprenditoriale di Riina, che mirava a sostituire l'Impresem (riconducibile al costruttore Filippo Salomone, che non si era ' messa a disposizione' di Cosa Nostra), con l'impresa Reale, che avrebbe dovuto diventare l'anello di congiunzione tra Cosa Nostra e il mondo politico e istituzionale e al contempo consentire un ritorno economico tramite la gestione degli appalti.
Il collaboratore e' giunto a questa correlazione dopo aver ascoltato la deposizione resa, sulla trattativa tra il Ros e Cosa Nostra tramite Ciancimino, dal capitano De Donno al processo di Firenze sulle stragi del 1993.
''Dunque Cancemi e Brusca non si contraddicono affatto, semplicemente riferiscono ciascuno la propria porzione di conoscenza, che rappresenta una parte di una realta' piu' complessa, da nessuno dei due conosciuta per intero. Cancemi era in condizione privilegiata rispetto a Brusca per sapere dei contatti di Riina con le ''persone importanti': infatti Mangano, che in passato aveva coltivato quelle relazioni, e' un uomo d'onore del suo mandamento ed era stato proprio Cancemi a convincerlo a mettersi in disparte, per lasciar gestire direttamente quei rapporti a Riina. Per tutti questi motivi le indicazioni di Brusca e quelle di Cancemi devono ritenersi complementari.
''I dati probatori sulle iniziative di Cosa Nostra per individuare nuovi canali politico-istituzionali non finscono qui. Maurizio Avola riferi' che negli ultimi mesi del 1992 si svolse a Palermo una riunione dei rappresentanti delle varie 'provincie' siciliane alla quale aveva partecipato Eugenio Galea, vicerappresentante provinciale di Catania : Riina espose il piano strategico dell'organizzazione, che consisteva nell'attacco allo Stato che avrebbe consentito di 'togliere il vecchio'' sistema politico e creare un clima favorevole per l'affermazione di un nuovo soggetto politico. La riunione si colloca senza dubbio in una congiuntura particolare, poiche' il livello dello scontro con lo Stato si era fatto consistente e le 'trattative' erano in corso, mentre altre forme di aggressione nei confronti delle istituzioni erano in cantiere. L'accostamento delle indicazioni di Avola a quelle di Cancemi e Brusca consente di inquadrare le ipotesi di trattativa e gli attentati in un'azione volta a propiziare l'affermazione di una nuova forza politica''.
Questi sono, in sinstei, i dati che portarono Tescaroli, ma anche altri due magistrati, a convicersi della fondamentale compatibilita' e coerenza tra le dichiarazioni dei pentit.
''Sulla stessa linea da me eseguita, i pubblici ministeri Antonino Di Matteo e Anna Maria Palma,
nella requisitoria del processo via D'Amelio ter, comparando le dichiarazioni di Brusca e di Cancemi rese in quel processo, le hanno definite 'complementari, univoche e plausibili, nella parte in cui collocano i rapporti fra Riina e personaggi esterni all'organizzazione mafiosa nel giugno 1992''.
Da questi e molti altri elementi, Tescaroli ha tratto una convinzione che non e' solo giudiziaria, ma etica e deontologica.
''Questi dati, acquisiti nei dibattimenti, non solo giustificano, ma obhligano qualunque magistrato inquirente a investigare. E gli impongono di porre ai collaboratori domande utili ad accertare la verita': anzitutto a Salvatore Cancemi a proposito degli eventuali ''suggeritori' esterni a Cosa Nostra.
Invece, la sera stessa in cui Cancemi fu interrogato nel processe via D'Amelio ter, si scateno' una levata di scudi per stigmatizzare l'operato dei magistrati che avevano osato porre domande al collaboratore, senza interromperlo quando faceva riferimento ai discorsi di Riina su Berlusconi e Dell'Utri. Vi furono persino rappresentanti delle istituzioni che colsero l'occasione per affermare che i pentiti erano sempre meno credibili, senza conoscere gli esiti delle indagini ne' le dichiarazioni dei collaboratori.
''Reazioni impensabili se elementi di prova di quel calibro fossero state acquisite sul conto di un indagato per un furto al supermercato o uno scippo ai danni di una vecchietta. Ma ormai sempre piu' spesso l'equanimita' viene tacciata di faziosita'.Qualcuno vorrebbe una magistratura che garantisca come 'legibus soluti' i detentori del potere e i loro amici, affossando in concreto il principio cardine della nostra civilta' giuridica: l'obbligatorieta' dell'azione penale''.
Tescaroli compie un'amara considerazione in merito al rapporto tra informazione e potere.
''Mi resi conto di come, nel nostro paese, vi siano vari personaggi dotati di tanto potere da riuscire a condizionare l'esito dei processi mettendo in campo una macchina della 'informazione' capace di delegittimare le fondi di accusa e di rappresentare i magistrati come soggetti scorretti, portatori di interessi diversi da quello del ripristino della legalita' violata. Mi parve di essere tornato al 1989, alla famigerata estata del 'Corvo' di Palermo, con una nuova intossicazione dell'informazione per delegittimare alcuni magistrati e investigatori che hanno cercato di svolgere doverose indagini a fronte di precise notizie di reato. Mi dispiacque che si sia sentito il bisogno di demolire i risultati raggiunti, anziche' implementare gli strumenti investigativi per rispondere ai molti quesiti emersi dai dibattimenti sulle stragi. Ritenevo e ritengo importante creare un pool temporaneo sovraterritoriale di magistrati, trasversale alle singole procure, che convogli le migliori energie ed esperienze professionali e continui a lavorare sulle stragi del 1992-93 e sul tema connesso del riciclaggio''.
Nella riflessione di Tescaroli c'e' spazio anche per un bilancio personale.
''Quanto alla mia persona, rivendico con orgoglio di aver fatto il mio dovere senza riguardi per nessuno. Invero le indagini di cui mi occupai, volte a dare un volto ai committenti esterni, si indirizzarono verso varie piste e non si esaurirono certamente in quelle nei confronti degli onorevoli Berlusconi e Dell'Utri. Ulteriori spunti investigativi furono acquisiti e coltivati nell'ambito di altri procedimenti penali nei confronti di altri indagati sui quali non posso riferire, essendo vincolato al segreto. Cio' solo per dire che svolsi il mio lavoro con assoluto rigore.''
Tescaroli svela tuttavia alcuni aspetti cruciali e inediti.
''Posso, pero', richiamare alcune indicazioni emerse nel corso dei dibattimenti che inducevano a ricercare i mandanti esterni nell'oscuro mondo della massoneria e negli ambienti istituzionali dei servizi segreti. Il collaboratore di giustizia Francesco Di Carlo riferi' di aver ricevuto, in epoca successiva al fallito attentato dell'Addura, due visite a distanza di quattro-sei mesi l'una dall'altra, all'interno dell'istituto penitenziario britannico di Full Sutton, da parte di soggetti appartenenti ai servizi segreti, interessati all'eliminazione del dottor Falcone, fece il nome di Antonino Gioe', che poi fu effettivamente contattato. Va rilevato che Gioe' svolgera' affettivamente, un ruolo nevralgico nell'esecuzione della strage di Capaci. Questi, il 29 luglio 1993, venne trovato cadavere, per circostanze non del tutto chiarite, in una cella di Rebibbia(Antonino Gioe', autorevole esponente della famiglia mafiosa di Altofonte, il giorno dell'attentato a Capaci si trovava con Brusca sulla collinetta da dove venne inviato il segnale radiocomandato che determino' l'esplosione. Venne ritrovato impiccato alle grate della cella di Rebibbia. Lascio' una lettera testamento dal contenuto enigmatico, in cui fece riferimento a Paolo Bellini. Si scopri che Bellini fu l'intermediario di una delle trattative in corso con rappresentanti delle istituzioni).
''L'ipotesi di una convergenza di interessi di settori deviati dei servizi segreti venne corroborata dal rinvenimento di un bigliettino sul luogo della strage del 23 maggio 1992 con l'annotazione 'Guasto numero 2 portare assistenza settore numero 2. GUS, via Selci numero 26, via Paciotti'' e un numero di cellulare risultato intestato a Lorenzo Narracci, funzionario del Sisde. Angelo Siino riferi' di aver ricevuto una visita, sul finire dell'estate del 1990 e, comunque, prima del trasferimento di Falcone a Roma, di un autorevole personaggio appartenente alla massoneria, il quale gli aveva detto che se il magistrato non fosse stato trasferito da Palermo sarebbe stato ucciso. Forse il governo Andreotti-Martelli aveva favorito il trasferimento di Falcone a Roma, offrendogli un alto incarico ministeriale, anche per il reale interesse di allontanarlo dalla Sicilia e impedire cosi' ulteriori investigazioni per scoprire intrecci politico-mafiosi-finanziari. Una congettura che in qualche modo poteva essere avvalorata dal fatto che la proposta per il nuovo incarico proveniva da un'aerea politica (il Psi) che nel passato aveva dimostrato, a detta di molti collaboranti, di non essere impermeabile a intese elettorali con Cosa Nostra''.
Tescaroli cita un passo importante della sentenza di Corte d'appello relativo alla strage di Capaci. Parole inquietanti, se si considera che provengono dalla sentenza di un tribunale.
''Vorrei ricordare che nella sentenza della Corte d'appello che defini' il processo d'appello per la strage di Capaci si legge:
Si puo' affermare che il progetto di aggressione nei confronti dello Stato e' stato promosso e pianificato dai vertici dell'organizzazione Cosa Nostra con il proponimento di incidere, nel volgere del tempo, sugli assetti di potere esistenti, condizionando la formazione dei nuovi, correlativamente all'evolversi della vita istituzionale del paese, in un'ottica volta a individuare nuovi referenti politici capaci di assicurare benefici e di intervenire sulla legislazione vigente di contrasto al crimine organizzato. (...) Per perseguire tali finalita', mutando radicalmente atteggiamento rispetto al passato, Cosa Nostra ha posto in essere un attacco frontale nei confronti dello Stato attraverso una concentrazione di azioni eclatanti e destabilizzanti in un breve lasso temporale (...). L'esistenza di eventuali, quanto non improbabili mandanti occulti, che restano sullo sfondo di questa vicenda, costituisce il principale enigma a cui questo processo non ha dato una convicente e esaustiva risposta (...). Appare necessario indagare nelle opportune direzioni per individuare gli eventuali convergenti interessi di chi a quell'epoca era in rapporto di reciproco scambio con i vertici di Cosa Nostra ed approfondire, se e in che misura, sussista un collegamento tra le indagini di Tangentopoli e la campagna stragista, e infine per meglio sviscerare i collegamenti e le reciproche influenze con gli eventi politico-istituzionali che si verificano in quegli anni.

''Il divenire criminale di Cosa Nostra produsse un'azione eversiva e terroristica che oggettivamente contribui' a disarcionare le classi dirigenti e creare le condizioni per l'affermazione di forze politiche nuove, capaci di riportare stabilita' e sicurezza tra i cittadini. E' una lunga serie di episodi, collegati da un filo rosso: dall'uccisione dell'onorevole Salvo Lima il 12 marzo 1992, alle stragi di Capaci e di via D'Amelio, dall'attentato nei confronti del giornalista Maurizio Costanzo agli attentati contro i monumenti di Firenze, Roma e Milano, sino all'episodio dello stadio Olimpico''.
Ci fu qindi un salto di qualita', dopo le morti di Falcone e Borsellino. La mafia si propose in maniera aperta come antistato, come soggetto politico con il quale e' necessario trattare?
''Quelli del 1992-93 non sono piu' i comportamenti tradizionali della mafia. Cosa Nostra era diventata improvvisamente un'organizzazione terroristica, di stampo colombiano. I boss hanno spiegato, in sede processuale, che la situazione era eccezionale, che occorreva preparare il terreno a 'uomini nuovi'. Uomini che Cosa Nostra riteneva di poter influenzare e che, dunque, avrebbero ottenuto dalla mafia il risultato immediato di riportare la calma. Parallelamente si svilupparono rapporti tra i boss e membri delle istituzioni. Durante i processi abbiamo appurato che l'idea di attaccare i monumenti venne da Paolo Bellini, uomo in contatto con i carabinieri. Cosa Nostra aveva chiesto benefici carcerari per alcuni suoi boss, offrendo in cambio il recupero di importanti opere d'arte. Durante questi contatti, che poi non dettero i risultati sperati, Bellini in sostanza avrebbe detto : '' Pensate a cosa accadrebbe se gli italiani si trovassero senza la Torre di Pisa o il Colosseo. L'Italia sarebbe in ginoccho''.Certo sembra folle. Ma gli attentati ai monumenti ci furono. E noi accertammo altri contatti tra mafia e settori delle istituzioni. A un certo punto il maggiore De Donno e il generale Mori, entrambi carabinieri, entrarono in relazione con Vito Ciancimino per la cattura di Riina e Provenzano. Un fatto e' certo: i boss ricevettero segnali di 'disponibilita'' istituzionali che, nella loro prospettiva, erano una prova della bonta' della strategia e della necessita' di adoperarsi per avere nuovi referenti nelle istituzioni. Nuovi da ogni punto di vista''.
Alcuni momenti nevralgici di quella stagione di sangue rimangono, nonostante le indagini e i processi celebrati, ancora oscuri.
''Si pensi al ritrovamento di un'auto piena di esplosivo a circa cento metri da palazzo Chigi, in via dei Sabini, nelle vicinanze di piazza Colonna, proprio nella giornata della festa della Repubblica del 1993. Un'azione rivendicata da una misteriosa formazione, la Falange Armata, mai entrata nei racconti dei collaboratori di giustizia. Oppure al misterioso guasto, apparentemente senza spiegazione, al centralino di Piazza Chigi dalle ore 0.22 alle 3.02 del 28 luglio 1993. Poco chiara e' rimasta anche la sparizione dell'agenda che Paolo Borsellino portava sempre con se',la famosa agenda rossa sottratta dalla borsa sul luogo della strage. Cosi' come le cause e le modalita' di cancellazione dell'agenda elettronica (che, dalle annotazioni rilevate, puo' farsi risalire a un periodo immediatamente antecedente o successivo alla data della strage) e il mancato rinvenimento della 'ram card' del databank Casio di Giovanni Falcone. Oscuro risulta l'interesse di appartenenti alla massoneria al trasferimento di Giovanni Falcone dagli uffici giudiziari palermitani; il rinvenimento del biglietto nella zona dell'agguato di Capaci; il tardivo affiorare di ricordi sugli incontri avvenuti nel giugno 1992 tra Paolo Borsellino e ufficiali del Ros.
Fa riflettere anche la singolare coincidenza temporale tra l'arrivo in Sicilia di Paolo Bellini e la sua presa di contatto con Antonino Gioe', che era impegnato nella fase preparatoria della strage del 23 maggio 1992.
''Si tratta di interrogativi la cui risposta richiederebbe un rinnovato impegno investigativo ai quali non sono riuscito, durante la mia permanenza a Caltanisetta, a dare una risposta certa. Tali quesiti denotano una carenza conoscitiva non accettabile in un paese democratico e non possono essere lasciati al lavoro degli storici. Sono convinto che bisognerebbe spazzare via con fatti concreti e concludenti ogni dubbio circa l'eventuale disponibilita' di qualcuno ad assecondare la crescente richiesta di mafia che si respira nel paese''.

L'addio a Caltanisetta
Torniamo a Caltanisetta. Nel mentre la procura si accinge a chiedere l'archiviazione dell'inchiesta si mandanti occulti, Tescaroli lascia la citta'.
''Era una giornata di autunno inoltrato del 2000 quando varcai per l'ultima volta le due porte che davano accesso all'ufficio del procuratore della Repubblica di Caltanisetta. In quell'ultima fase della mia permanenza avevo, tra l'altro, preparato una voluminosa richiesta di misure cautelari nei confronti di 59 indagati al termine di una pluriennale investigazione, che aveva consentito di individuare l'esistenza di un'associazione a delinquere di stampo mafioso, radicata in Gela e con proiezioni operative in varie parti del paese, dedita prevalentementee alla perpetrazione di estorsioni e al traffico trasnazionale di stupefacenti importati dall'Albania, smistati in Puglia e distribuiti in Sicilia, in Piemonte, in Liguria, in Lombardia e in altre localita' d'Italia. Quelle indagini avevano impedito, durante la prima decade dell'agosto 2000, l'esplosione di una guerra di mafia in seno alla famiglia gelese di Cosa Nostra; di sventare un sequestro di persona nei confronti dell'imprenditrice di Orbetello Guja Serperi nel corso del febbraio-marzo 2000; di scoprire che un sottufficiale dell'aeronautica forniva armi e munizioni ai clan, che aveva stretto un'alleanza con appartenenti alla criminalita' albanese; di sequestrare, a piu' riprese, significativi quantitativi di sostanze stupefacenti (nell'ordine di centinaia di chili) e di catturare tre pericolosi latitanti. Un giovane di Gela, Valerio Biondo, si era determinato a collaborare con la giustizia, si era coraggiosamente infiltrato nella struttura mafiosa e, attraverso una microspia installata nel suo cellulare, aveva consentito di vivere in presa diretta il susseguirsi frenetico degli avvenimenti criminali.
''Avevo anche predisposto, essendo scaduti i termini massimi di durata delle indagini, la gia' citata seconda versione della richiesta di archiviazione nell'ambito del procedimento penale nei confronti di coloro che erano sospettati-gli onorevoli Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri- di essere i famigerati mandanti occulti delal stagione stragista.
''Inoltre, appena terminata la requisitoria nel processo di primo grado per la strage dell'Addaura, avevo redatto una documentata nota per spiegare le ragioni del mio motivato dissenso a firmare l'avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di Filippo Alberto Rapisarda.
Dovevo consegnare il frutto di alcune di quelle ultime fatiche che mi avevano rubato il sonno per diverse motti e che avevano ingenerato tensioni e incomprensioni. Dopo un ultimo incontro con il capo dell'ufficio, Tinebra, salutai i miei collaboratori che per anni mi avevano onestamente aiutato con spirito di abnegazione. Ero consapevole del fatto che probabilmente non li avrei piu' rivisti e che a Caltanisetta non sarei piu' tornato. Mi fu di conforto il fatto che il comandante generale e il capo di stato maggiore dei carabinieri, che avevo incontrato qualche giorno prima a Roma, avessero autorizzato il carabiniere Ciro Fanfarillo, che da circa un anno lavorava con me, a seguirmi.
Cosi lasciai Caltanisetta per un viaggio di sola andata verso Roma. Il tratto di autostrada sino all'aeroporto di Catania mi apparve identico a come l'avevo visto la prima volta, nel giugno del 1992, come se il tempo non fosse trascorso: i lavori che ostacolavano la circolazione all'altezza di una delle gallerie erano perennemente in corso, erano sempre allo stesso punto come una tela di Penelope. Mentre procedevo accompagnato dai miei angeli custodi, che per molto tempo mi avevano seguito come un'ombra, una strana serenita' mi pervadeva, le tensioni e le molte difficolta' sembravano superate, quasi cancellate. La consapevolezza di aver fatto tutto quanto era nelle mie possibilita' senza aver ceduto a compromessi mi dava una sensazione di benessere. Pensai alla tante, troppe vittime di mafia di cui mi ero occupato e augurai ai loro familiari di trovare la serenita' ingiustamente perduta. Auspicai che Falcone e Borsellino fossero gli ultimi di una lunga serie di servitori dello Stato caduti nell'adempimento del loro lavoro. Pensai agli amici sinceri che, nonostante tutto, avevo trovato''.
Il bilancio di quegli anni e' per Tescaroli comunque positivo.
''Erano stati raggiunti risultati importanti nel contrasto a Cosa Nostra, molti di piu' di quelli che avrei potuto auspicare quando arrivai. L'atteggiamento della magistratura e delle forze dell'ordine dinanzi al crimine mafioso era mutato e l'impegno nel contrasto a quell'atavica piaga della terra di Sicilia era divenuto un fattore collettivo che coagulava sempre piu'''.

Fonte : Colletti sporchi di Ferruccio Pinotti e Luca Tescaroli






Nessun commento:

Posta un commento